Ti trovi qui:

Home » Eventi » SONNAMBULI, se c’è un rigore lo tiro io

Mediagallery:

SONNAMBULI, se c’è un rigore lo tiro io

Palchi
Piazza del Luogo Pio
Compagnia Mayor Von Frinzius, OAMI e Fondazione Teatro Goldoni

Questo spettacolo nasce perché da piccolo ero sonnambulo. Ho passato tutta la vita a cercare di dimenticare quella notte, e ora non riesco a raccontarla, mi dispiace. Lo spettacolo finisce qui.

Queste le parole con cui Lamberto Giannini conclude il suo ultimo spettacolo. Il regista è infatti partito dalla propria esperienza come sonnambulo per ideare questo spettacolo e racchiudere al suo interno sogni, incubi, ambizioni e paure non solo suoi ma anche dei suoi attori e collaboratori. Al fianco di Giannini troviamo Rachele Casali, aiuto regista dal 2017 e responsabile della colonna sonora dello spettacolo e della produzione, Silvia Angiolini, che dopo anni da attrice debutta per la prima volta in regia portando entusiasmo e precisione nelle sue scelte artistiche ed organizzative, Marianna Sgherri, collaboratrice storica capace di trasformare le proprie visioni in emozionanti coreografie e Francesco Pacini, direttore di palco per il terzo anno consecutivo.

Il sonnambulismo si verifica quando una persona cammina o compie attività complesse mentre non è ancora sveglia del tutto. Di solito, si manifesta nelle prime ore dopo l’addormentamento, durante la fase di sonno profondo: fare teatro è come dormire profondamente e sognare. Ogni bisogno diventa desiderio, il tempo sembra fermarsi, ma in realtà passa inesorabile fino a portare al risveglio, gli applausi finali, che gettano l’attore in un connubio di estasi e rimpianto di qualcosa che ormai è passato e non potrà più tornare.

Lo spettacolo è stato realizzato anche grazie alla collaborazione di Twin Group, Audemars Piguet, Thisintegra, Compagnia Portuale di Livorno, Circolo ricreativo lavoratori del porto, Fondazione Livorno, Lions Club Livorno porto mediceo, Rotary Club Livorno, Rotary International, ASA, Autolinee Toscane, The Cage, Comune di Livorno e Regione Toscana. Un ringraziamento particolare va anche ad Angelo Scuri della BCC di Castagneto, a Giorgio e Claudio Chiellini, a Nicola Giusfredi per aver realizzato ancora una volta il quadro utilizzato come locandina, a Minna Maaniitty, Michelangelo Salvini, alla Parrocchia di Santa Lucia ed alla Misericordia di Livorno.