Ti trovi qui:

Home » Notizie » Platinette e Grazia Di Michele stanno … “Alla Finestra”. VIDEO

Platinette e Grazia Di Michele stanno … “Alla Finestra”. VIDEO

“Felice di essere qui a Livorno all’origine del diritto in Italia” (clicca sull’icona sotto alla foto principale per ascoltare la video intervista ai due e alcuni momenti dello show in Fortezza Vecchia). A dirlo, riferendosi alle leggi livornine, Mauro “Platinette” Coruzzi uno dei più attesi personaggi di questa 30esima edizione.
Il noto volto della televisione italiana – assieme alla cantautrice che ha firmato centinaia di canzoni e che nel 2015 è salita per la quarta volta sul palco dell’Ariston, Grazia Di Michele – ha portato a Effetto Venezia “Alla Finestra” (il nome prende spunto da una famosa canzone dello stesso Platinette ”Io sono una finestra”), show musicale dove protagoniste sono state le donne e le canzoni a loro dedicate. Il concerto si è svolto il 29 luglio alla Fortezza Vecchia sul Palco dei Diritti.
Sul palco canzoni di donne per donne, da Nada a Donatella Rettore fino al duetto tra “Plati” e Grazie Di Michele con la canzone sanremese e il successo del 1993 “Amori Diversi”.
Sul palco Coruzzi si trasforma in Platinette arrivando a bordo di una golf-car con la solita parrucca bionda, il rossetto sparato e un vestito di scena che aveva indossato nella serata del giovedì di Sanremo scorso. I doppi sensi si sprecano, Plati scherza e si diverte con il pubblico gioca con le parole, allusiva come al solito. Poi il simpatico siparietto con Simone Lenzi, autore, cantautore e cantante dei Virginiana Miller gruppo livornese per il quale Coruzzi si era prestato per un’apparizione per un loro videoclip. I due scherzano e cantano un successo dei Virginiana. Poi si torna a parlare di donne, di sessualità in note. La Fortezza Vecchia è una bellissima “finestra” sulla quale affacciarsi e capire da che parte cala l’orizzonte. E al termine c’è anche il tempo per far salire il sindaco Nogarin sul palco per un duetto tutto da ridere con il primo cittadino.

di Linda Mannucci e Giacomo Niccolini